Percorsi Estate CFP 2012 - Consulta Escursionismo Bologna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività > Archivio

PRIMAVERA 2012

AUTUNNO 2012

domenica 25 marzo
Intrecci vegetali: l’impiego di salici e altre piante in campagna
Una breve passeggiata nel Parco Villa Ghigi alla ricerca delle piante che da secoli l’uomo ha impiegato nelle operazioni campestri: salici, vitalba, sanguinello, nocciolo e altre specie dai rami flessibili che un tempo erano utilizzati per realizzare ceste e altri manufatti, intrecciando i giovani tralci. A conclusione della passeggiata il
maestro cestaio Andrea Magnolini darà una breve dimostrazione di questa arte antica e presenterà il suo bel manuale Fare cesti.
Ore 10-12 Partenza dal parcheggio del Parco Villa Ghigi lungo via di Gaibola.

domenica 16 settembre
Dall’Abbazia di Monteveglio a Zola Predosa
Dalla Ca’ Vecchia, ai margini del moderno abitato di Monteveglio, risalendo lungo il rio Ramato, si raggiungono i resti del castello e la millenaria pieve romanica, nel cuore del Parco Regionale Abbazia di Monteveglio.
Ridiscesi in paese, si attraversano le dolci colline che separano la valle del Samoggia da quella del Lavino, in un paesaggio ricco di suggestioni nel quale spiccano la chiesa di Montemaggiore e i severi calanchi nelle vicinanze.
Raggiunto il Lavino si segue il percorso ciclo-pedonale che, costeggiando il torrente, conduce in breve a Zola Predosa.
Ore 9-18 Viaggio A/R in treno. Ritrovo alla Stazione Centrale di Bologna, piazzale Ovest, linea Bologna-Vignola, ore 9. Partenza del treno ore 9.16

domenica 1° aprile
Le caratteristiche colline dei Gessi Bolognesi
L’escursione ha inizio dal ponte sul torrente Idice, nell’omonima località situata dopo San Lazzaro di Savena lungo la via Emilia.
Risalendo verso le colline ci si immerge a poco a poco nei peculiari paesaggi tutelati dal Parco Regionale Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa, tra appezzamenti coltivati, interessanti fenomeni carsici e altre emergenze naturali, inattesi scorci panoramici sulla pianura e l’area urbana bolognese. Il piacevole itinerario, con modesti dislivelli, si conclude nell’abitato di San Lazzaro.
Ore 9-16 Viaggio A/R in autobus. Ritrovo all’Autostazione di Bologna, pensilina linea 101, ore 9.

domenica 23 settembre
Gli alberi da frutto del Parco Villa Ghigi:
un inno alla biodiversità rurale
Il parco ospita una notevole collezione di alberi da frutto, in molti casi secolari, che appartengono a varietà tradizionali, da tempo dimenticate ma oggi soggette a una nuova attenzione (anche grazie a una specifica legge regionale).
La bella rassegna di meli, peri, ciliegi, fichi, azzeruoli e cornioli è completata da esemplari piantati negli ultimi anni per integrare le fallanze e dal “Frutteto del Palazzino”, che custodisce il germoplasma di alcuni tra i più vecchi fruttiferi dell’Emilia-Romagna.
A conclusione, piccola esposizione di frutti antichi e mercatino.
Ore 10-12 Partenza dal parcheggio del Parco Villa Ghigi lungo via di Gaibola.

domenica 15 aprile
A passeggio con Pascoli per via dell’Osservanza e dintorni
Nell’ultimo periodo della sua vita Giovanni Pascoli, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte, abitò in una casa all’inizio di via dell’Osservanza, forse la più bella e la più ricca di testimonianze artistiche e storiche tra le strade pedecollinari
bolognesi. Lungo la passeggiata si toccano le emergenze più significative della zona, da Villa Baruzziana alla località di Mezzaratta, con l’ex chiesa di Sant’Apollonia, per poi salire sino a Villa Aldini, con la Rotonda della Madonna del Monte, e al convento francescano dell’Osservanza.
Ore 10-12 Partenza dal sagrato della chiesa della S.S. Annunziata,
lungo viale Panzacchi (angolo via San Mamolo).

domenica 30 settembre
Le colline tra Reno e Lavino
Dal centro abitato di Zola Predosa si risale inizialmente il torrente Lavino per poi inerpicarsi sul versante destro della valle percorrendo lo storico “sentiero dei gessaroli” (sentiero CAI 102) in direzione di Monte Rocca e Monte Capra. Attraverso affioramenti gessosi e lembi di bosco caratterizzati da grandi esemplari di quercia, si raggiunge l’Eremo di Tizzano e, seguendo il percorso storico-naturalistico realizzato di recente, si scende poi a Casalecchio di Reno, tra vigneti collinari e spettacolari panorami sulla vallata del Reno e la pianura.
Ore 9-17 Ritrovo alla Stazione Centrale di Bologna, piazzale
Ovest, linea Bologna-Vignola, ore 9. Partenza del treno ore 9.16.

domenica 22 aprile
Il cammino delle pietre lunari e la costruzione della città
Seguendo l’arco collinare dei monti Croara, Castello e Donato, storici luoghi di estrazione della “pietra lunare”, si può raggiungere in poche ore il balcone panoramico del Parco di San Michele in Bosco e da qui scendere verso il centro di Bologna per uno storico sentiero abbellito con la selenite delle nostre colline. L’escursione consente di ripercorrere le affascinanti vicende costruttive di una città che da quindici secoli poggia sui blocchi di gesso e grazie anche all’umile lavoro dei “gessaroli” ha costruito e impreziosito i suoi palazzi e le sue chiese.
Ore 9-16 Viaggio A/R in autobus. Ritrovo al capolinea del bus
27B, in fondo a via Genova, ore 9.

domenica 21 ottobre
Gli alberi da legno: storia, tradizione e impiego in agricoltura
In occasione della IX edizione della Festa della Storia
Una passeggiata nel Parco Villa Ghigi alla scoperta di alcuni alberi, autoctoni ed esotici, da sempre utilizzati per il loro legno: dal tasso del formidabile arco di Ulisse alla tuia gigante utilizzata dagli indiani per fabbricare i loro totem. Aneddoti e storie raccontate a più voci, insieme a informazioni scientifiche e tecniche sui diversi tipi di legno, accompagneranno la salita verso il Palazzino, dove verrà organizzata una piccola esposizione di legni, manufatti e attrezzi agricoli provenienti dai poderi dell’antica tenuta Ghigi.
La passeggiata termina nel frutteto del Palazzino, dove sono state messe a dimora giovani piante di vite di antica origine.
Ore 10-12 Partenza dall’ingresso al Parco Villa Ghigi di via San Mamolo.

domenica 6 maggio
Il dittamo e altre piante rare e protette della collina
La breve passeggiata nel Parco Villa Ghigi, in un momento particolarmente ricco di belle fioriture, offre l’opportunità per parlare di biodiversità floristica e salvaguardia delle specie più rare.
È l’occasione per presentare una nuova presenza vegetale dalla splendida fioritura, il dittamo, introdotta di recente nel parco nell’ambito del progetto PP-ICON, finanziato dall’Unione Europea e coordinato dall’Università di Bologna, a cui collaborano il CRA-API di Bologna e la Fondazione Villa Ghigi.
Ore 10-12 Partenza dall’ingresso al Parco Villa Ghigi di via San Mamolo.

domenica 13 maggio
Le colline alle spalle dei Giardini Margherita
L’escursione ha inizio dal più noto parco cittadino, risale la valle del rio di Monte Griffone verso il Parco Forte Bandiera e poi prosegue attraverso le valli dell’Aposa e del Ravone, tra scenari collinari noti e meno noti, alla scoperta di piccole chiese, ampi parchi pubblici e reminiscenze di vecchie fortificazioni post-unitarie.
Il punto di arrivo è il Parco della Chiusa, a Casalecchio di Reno, che si affaccia sul grande manufatto idraulico medievale, di eccezionale valore storico, punto nevralgico della articolata rete di canali bolognesi che per secoli fu il segreto dello sviluppo di Bologna.
Ore 9-17 Partenza dall’ingresso dei Giardini Margherita di Porta Santo Stefano.

domenica 27 maggio
Un sentiero ritrovato: il 904 per l’Osservanza e Gaibola
Dopo la vittoria, il 14 agosto 1443, di Annibale Bentivoglio sui Visconti, i bolognesi stabilirono di compiere ogni anno una solenne “cavalcata” al santuario della Madonna del Monte, situato dove oggi sorge Villa Aldini. Per oltre due secoli la processione
seguì un sinuoso percorso sulle pendici del colle, per la disagevole via della Mela, sostituita nel 1660 dall’odierna via dell’Osservanza (la discesa avveniva per via Vallescura, con rientro in città da porta Saragozza).
Il paziente lavoro della Consulta per l’Escursionismo ha riaperto parte dell’antico percorso, prolungandolo sino alla chiesa di San Michele di Gaibola, a pochi passi da un notevole affioramento gessoso.
Ore 9-17 Viaggio A/R in autobus. Ritrovo davanti all’ingresso del Giardino di Villa Cassarini, nei pressi di Porta Saragozza, ore 9.

Torna ai contenuti | Torna al menu