Percorso 8 Marzo 2014 - Consulta Escursionismo Bologna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività > Archivio > Inverno 2013 - 2014

Per la mattina di Sabato 8 Marzo si propone:

"Dal Parco della Chiusa a Porta San Mamolo"


Scarica il volantino

Itinerario:
Casalecchio di Reno Parco della Chiusa (davanti Chiesa San Martino m. 80) – Montagnola di Sopra (m. 121) – via dei Gessaroli (m. 217) – Chiesa di Casaglia (m. 226) – Torrente Ravone (m. 126) – Chiesa Gaibola (m. 229) – Eremo Ronzano (m. 275) – Parcheggio alto di Villa Ghigi – Villa Aldini con breve visita agli affreschi medioevali  della "Rotonda della madonna del Monte" (m. 211) – Via dell’Osservanza – Porta San Mamolo (m.  82).

Dai ruderi, ora restaurati, di Villa Sampieri-Talon, nei pressi della storica chiusa sul Reno, si raggiunge la chiesa di S. M. Assunta di Casaglia, per poi scendere fino all’impluvio del torrente Ravone. Da qui una salita nel suggestivo bosco, dove ogni tanto affiorano pareti gessose di antiche cave estrattive, consentirà di raggiungere la chiesetta di  San Michele di Gaibola. Seguendo il nuovo sentiero CAI 904, si sale quindi al Colle di Ronzano con il suo Eremo in splendida posizione da cui è possibile osservare un bel panorama verso Bologna.  Proseguendo, si attraversa la parte alta del parco di Villa Ghigi, per dirigersi verso il Colle dell’Osservanza e da qui alla Villa Aldini. La breve visita agli affreschi medioevali  della "Rotonda della madonna del Monte proposta dai volontari del Touring Club Italiano consentirà di conoscere una delle chiese più antiche di Bologna (sec. XII). Con la discesa di via dell’Osservanza si raggiungerà in breve la via San Mamolo dove a piedi o col bus si potranno raggiungere in breve i viali di circonvallazione ed il centro cittadino.


Importante: Gli accompagnatori si riservano di apportare modifiche al percorso in relazione alle condizioni meteo ed allo stato dei sentieri.

Accompagnano
:
ALESSANDRO CONTE (Associazione Percorsi di Pace)
e GIUSEPPE STEFANINI (Touring Club Italiano – CdT Bologna)

Consigli per i partecipanti - L’escursione richiede una certa abitudine e un po’ di allenamento a camminare per qualche ora in salita e discesa su terreni a tratti sconnessi o scivolosi. Indispensabili scarponcini o pedule da montagna; non sono ammesse scarpe con suola liscia. È utile portare con sé uno zainetto con berretto, guanti, giacca impermeabile, occhiali da sole, acqua. Meglio indossare abiti robusti da campagna e vestirsi a strati, per potersi alleggerire o coprire all’occasione. In caso di pioggia particolarmente forte, o di neve, l’escursione si intende annullata, salvo riproporla successivamente.

Torna ai contenuti | Torna al menu